Asciugatura

PC 6.03 Guardiolas — Essiccatoi meccanici per caffè

Le prime macchine essiccatrici su larga scala, chiamate Guardiola, sono state sviluppate oltre 120 anni fa da J. Guardiola, di Chocola, Guatemala ( WH Ukers, 1935 ). Questo nome è ancora usato in America Centrale per riferirsi ai moderni essiccatori rotanti. Queste macchine fanno girare i fagioli in un tamburo, alla maniera di enormi asciugatrici. Di solito sono alimentati da un sistema di scambio termico, con aria che viaggia attraverso un forno esterno, anche se alcune macchine moderne sono alimentate a gas. Le bucce del raccolto della stagione precedente possono essere utilizzate come fonte di combustibile nei bruciatori. Altri sono a volte alimentati dalla combustione del legname. Proprio come con le tostatrici a legna, è fondamentale che i forni non si esauriscano nell'area di essiccazione, per non contaminare il caffè con un sapore affumicato.

Come discusso nel contesto di fermentazione nella lezione 5.04, le perdite di peso possono portare a una riduzione del profitto per i produttori. In particolare con il processo lavato, i caffè pergamena continuano a metabolizzare durante l'essiccazione, fino a quando i loro livelli di umidità scendono al di sotto di 12%. Quando il caffè viene essiccato meccanicamente per un periodo di 40 ore, il processo di dimagrimento si interrompe molto prima. Questo è un argomento a favore dell'essiccazione meccanica: riducendo il tempo a disposizione per i processi metabolici che avvengono nei chicchi durante l'essiccazione, i produttori possono ridurre al minimo la perdita di peso del caffè.