Il menu

B1 6.04 – Tradizionale e Regionale

Tradizionale e Regionale


Imparare a lavorare con le preferenze regionali e il patrimonio culturale è una parte importante del ruolo del barista. Le bevande nei menu di molti paesi possono essere una firma dello stile del caffè o un'espressione delle tradizioni popolari regionali. L'esempio più famoso è il cappuccino , ma ne esistono centinaia di altre varianti. Ovunque si verifichino, sottolineiamo l'importanza di attenersi alla ricetta e assicurarci che ci sia un consenso tra l'intero team di baristi su come dovrebbero essere gustate queste bevande.

Il Cappuccino

Il cappuccino è la bevanda a base di latte più antica del menù; è anche più vecchio dell'espresso! Fu inventato in Austria nel XVIII secolo come Kapuziner . Il cappuccino come lo conosciamo, con latte cotto a vapore, si è evoluto nella prima parte del Novecento.

Riteniamo che il massimo che dovresti provare per aerare il latte sia 66%: ad esempio, se avessi 100 ml di latte, produrresti 66 ml di schiuma. Qualsiasi tentativo di fare più schiuma di questo significa che inizi a ottenere bolle più grandi nel mix. Anche l'aerazione del 66% è la giusta quantità per un cappuccino .

In questa serie di gif, spieghiamo esattamente cosa intendiamo per aumento di volume del 66%.

Primo Matt porziona il suo latte:

Quindi spurga la lancia vapore:

Successivamente, aera il latte, quindi pulisce e spurga la lancia vapore:

Infine, ci mostra che il volume è aumentato da 100 ml a circa 166, un aumento del volume del latte di 66%, perfetto per preparare un cappuccino tradizionale.

Aerando 90 ml di latte con 66% si ottengono 60 ml di schiuma. Versa quella schiuma sopra un tipico espresso da 30 ml (inclusa la crema) e la tua bevanda risultante avrà un rapporto 2:3:1.